Al via “VENEZIA CITTA’ CAMPUS”, un progetto della Fondazione Venezia Capitale Mondiale della sostenibilità

1) VENEZIA CITTA CAMPUS

Al via “VENEZIA CITTA’ CAMPUS”, un progetto della Fondazione Venezia Capitale Mondiale della sostenibilità

Prima grande iniziativa della Fondazione Venezia Capitale Mondiale della Sostenibilità presieduta dall’ex Ministro Renato Brunetta. Parte l’ambizioso progetto che si propone di far diventare Venezia città campus capace di attrarre, formare e trattenere giovani talenti con conoscenze avanzate, promuovendo la cultura come acceleratore di sostenibilità.

Già firmato il protocollo d’intesa a Ca’ Farsetti fra il sindaco Luigi Brugnaro, l’assessore regionale all’Istruzione e alla formazione Elena Donazzan, la rettrice di Ca’ Foscari Tiziana Lippiello, il rettore dell’Università Iuav Benno Albrecht, il presidente del Conservatorio “Benedetto Marcello” Fabio Moretti e il Presidente della Fondazione Venezia Capitale Mondiale della Sostenibilità Renato Brunetta.

Cuore dell’iniziativa la qualità dell’offerta formativa studentesca che dovrebbe raggiungere la media virtuosa europea portando nel giro di dieci anni al raddoppio della popolazione giovanile cittadina. Raddoppio sostenuto anche dall’offerta formativa della Scuola Italiana di Ospitalità, in grado di attrarre da tutto il mondo studenti eccellenti per la creazione della nuova classe manageriale nel settore hospitality and tourism, rafforzando la reputazione dell’Italia – e di Venezia – come destinazione culturale e turistica.

L’idea dunque sarebbe quella di passare dagli attuali 31 mila ragazzi a circa 60 mila con un progetto che prevede di creare una comunità moderna, inclusiva e sostenibile all’interno di una delle città più antiche, delicate e complesse al mondo.

Molte le aree individuate per l’ampliamento dell’offerta di spazi per i prossimi giovani talenti. Si va dalle aree di Mestre via Torino, zona studentesca dove già giace il Campus Scientifico degli allievi della Scuola Italiana di Ospitalità, a Porto Marghera, raggiungendo quelle del Parco Scientifico Vega, fino ad arrivare alle zone dismesse del Porto commerciale e di quello passeggeri inserito nel contesto del centro storico. Interessante e impegnativa la scommessa che si propone dal punto di vista urbanistico di far coniugare le grandi offerte di Venezia, turismo, cultura e produzione, con quest’ultima affascinante legata al sapere. Interessante sarà conoscere nella prossima puntata quali saranno i partner finanziari fondamentali per il successo dell’operazione. Sulle spalle dell’ex Ministro Brunetta questa grande responsabilità.