Millenials e turismo: come attrarre una nuova generazione di ospiti

millenials

Millenials e turismo: come attrarre una nuova generazione di ospiti

Verrebbe da dire che ai Millenials non piace il turismo convenzionale. Il turismo “su misura” fatto di viaggi sostenibili, itinerari personalizzati, vacanze attive, tour enogastronomici sta infatti spopolando tra la Generazione Z. Un trend che evidenzia un chiaro cambiamento dell’approccio dei giovani turisti sempre più alla ricerca di mete outdoor inusuali ed esperienze inedite – che hanno sicuramente più appeal –  per svincolarsi dal pacchetto pre-confezionato. A fare da padrone è la sostenibilità: le vacanze green, a basso impatto ambientale e all’insegna del rispetto di ecosistema e tradizioni locali, compresi i viaggi pet-friendly, stanno sempre più prendendo piede tra i giovani che risultano più attenti e responsabili rispetto alla precedente generazione dei “Boomers”. Rischio e avventura viene ora messo da parte per costruire un’esperienza di viaggio personalizzata all’insegna di nuove componenti intangibili: autenticità, emozioni e ricordi.

A giocare un ruolo determinante sono i social network, dal momento che i Millenials sono stati i primi ad avere a che fare, sin dalla loro nascita, con il mondo del digitale. Sono i social a guidare la scelta della meta, influenzata anche dai voti che le varie destinazioni percepiscono sul web. Per di più, le nuove generazioni viaggiano con uno spirito da influencer, anche senza lavorare come tali, pubblicando sui propri canali, attraverso selfie, post e video, le destinazioni e i luoghi poco conosciuti ai propri amici virtuali. Liberi, collaborativi, aperti per nascita, ma anche attenti all’immagine e alla loro reputazione nel web, consapevoli di fare da volano e suscitare l’interesse dei propri follower attraverso la loro immagine.

Alla luce di questi nuovi trend, molte delle strutture ricettive, anche quelle dove gli studenti della Scuola Italiana di Ospitalità stanno facendo il tirocinio, puntano sempre più sulla personalizzazione del servizio con l’obiettivo di venire incontro alle nuove generazioni. La maggior parte degli hotel, infatti, non si limitano ad offrire vitto, alloggio e itinerari, ma offrono un prodotto e un sevizio sempre più autentico e di qualità: ambienti dinamici, design moderno, smart rooms con alta dotazione tecnologica ed uso degli ambienti con spirito di condivisione ed esperienza collettiva.

Per esempio, tra i pionieri italiani della domotica in albergo è il gruppo TH Resorts (dove lavorano in stage 20 studenti SIO) che introduce Alexa nelle esperienze di soggiorno dei propri ospiti. Gruppi alberghieri come Club Med, invece, per venire incontro ai nuovi trend turistici dispone di strutture sportive quali piscine, campi da tennis e Beach Volley per dipendenti e tirocinanti (tra cui i nostri stagisti del corso di laurea), proprio per interagire meglio con gli ospiti e provare le stesse esperienze. Altri, come Steigenberger Hotels che ospita 4 tirocinanti SIO, da anni concilia l’esperienza del lusso con una filosofia responsabile verso l’ambiente con una roadmap per tutto lo staff che comprende obiettivi vincolanti a breve, medio e lungo termine per tutti i temi chiave della sostenibilità.